BambinoProgettoSalute

             
 

Dal Blog

Abbonamento a feed Dal Blog
Redazionehttp://www.blogger.com/profile/00604556271462064859noreply@blogger.comBlogger209125
Aggiornato: 39 min 21 sec fa

UNIVERSITÀ POPOLARE DI MILANO COMPIE 115 ANNI

Ven, 06/19/2015 - 00:41
L‘Università Popolare di Milano ha motivi per festeggiare,  con i suoi 115 anni dalla sua fondazione, e con il suo museo.
Dopo aver ottenuto un provvedimento amministrativo definitivo con il Ministero dell’Università e della Ricerca (MIUR) viene riconfermato con indiscussa ordinanza da parte dell’ultimo organo di giudizio amministrativo il Consiglio di Stato che definisce l’atto decretato all’università popolare degli studi di Milano di persistente efficacia sul valore e capacità giuridica di esercizio universitaria. 
L’Università Popolare degli Studi di Milano, dunque, con i suoi partner UUPN le università tradizionali di Stato associate, festeggiano l’ordinanza del Consiglio di Stato come uno dei tanti successi ottenuti in oltre un secolo di storia. “Una vittoria – chiosa il direttivo – in nome di un mondo migliore di una libertà democratica basata su valori che l’università popolare degli studi di Milano porta avanti da oltre un secolo una vittoria per tutti coloro che credono che il sapere il conoscere e la scienza sono elemento fondamentale per l’uomo” L’Università Popolare degli Studi di Milano è un Ente fondato oltre 100 anni fa in una solenne cerimonia che vide tra i relatori tra gli altri anche il grande scrittore Gabriele D’Annunzio. 
Il giudice. Tina Lagostena BassiTra i rettori più influenti dell’Università è stata, fino al 2008, il giudice Tina Lagostena Bassi, ben nota agli italiani come la “giudice di Forum”, programma molto popolare, ma anche nota per le sue battaglie sulla parità dei diritti delle donne. 
Affiliata alla UUPN (University of United Popular Nations), svolge attività di formazione universitaria e ricerca scientifica. L’università popolare degli studi di Milano con presupposti storici dal 1901 è sempre stata un’innovazione culturale accademica didattica per tutta la Lombardia e soprattutto in Milano.
Negli ultimi anni si è rivolta verso progettazioni non profit e all’aiuto di cause umanitarie sociali nel mondo del West Africa Da oltre un secolo, “Onore ed Eccellenza” è il motto che identifica l’Università Popolare degli Studi di Milano, fondata da Ettore Ferrari, che ne fu anche il primo rettore nell’8 aprile del 1900 per avvicinare la cultura anche ai cittadini meno abbienti. 
L’Università Popolare di Milano svolge un’intensa attività di ricerca scientifica in ambito sociale, economico e politico, nell’assoluta convinzione che la ricerca sia la base fondante di un benessere collettivo che deve essere sempre più improntato a principi di etica e solidarietà. 
In tale ottica, l’Università Popolare degli Studi di Milano è regolarmente iscritta all’Anagrafe Nazionale delle Ricerche presso il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Dipartimento per l’Università, l’Alta Formazione Artistica, Musicale e Coreutica e per la Ricerca Scientifica e Tecnologica – Direzione Generale per il Coordinamento e lo Sviluppo (Codice n. 58241FKL).

DIVULGATORI SCIENTIFICI UNITI IN RETE PER PASSIONE: È ONLINE IL "CARNIVAL" DELLA SCIENZA

Dom, 05/31/2015 - 12:46
Ricchi e stimolanti come sempre i contributi della 52ª edizione del Carnevale della Fisica.

La redazione di Gravità Zero ci informa anche di una novità: un evento cui siete già fin d'ora tutti invitati presso AULA MAGNA DEL POLITECNICO DI TORINO il 7 OTTOBRE 2015 E dal prossimo Carnevale della Fisica (termine per l'invio lavori il 29 giugno 2015) ci sarà un tema portante: ILVOLO SPAZIALE CIVILE, una occasione per parlare ad esempio di viaggi nello spazio, imprese come SpaceX, Virgin Galactic, volo in microgravità, esobiologia, lunghe permanenze, viaggio su Marte ma anche fantascienza.

 Appuntamento poi il 7 ottobre nell'Aula Magna del Politecnico di Torino con Space Renassaince Italia per un evento unico che vedrà come media partner proprio Gravità Zero.

COS'È IL CARNEVALE DELLA FISICA? Il 30 di ogni mese appassionati e professionisti divulgatori della scienza si riuniranno per promuovere la fisica e le scienze in maniera originale e divertente. QUI LE REGOLE PER PARTECIPARE.Molte testate ed enti hanno parlato dell'iniziativa, qui un paio tra le tante citazioni:
"Utili, divertenti e democratici, i Carnevali scientifici online costituiscono un buon esercizio e facilitano la discussione tra i diversi partecipanti" (Elisabetta Tola su Zanichelli Aula Scienza) "Il Carnevale ha inoltre un respiro europeo e internazionale e si propone di diffondere la cultura scientifica in un modo vivace e dinamico, avvalendosi del passa parola cibernetico" ASI - Agenzia Spaziale EuropeaIspirandosi al Carnival of Mathematics lo scopo di questo Carnevale è quello di riunire il maggior numero di blog scientifici per scrivere ogni mese articoli che abbiamo collegamenti con il mondo della fisica.


SPACE RENAISSANCE ITALIA 


Space Renaissance Italia intende stimolare l’intera comunità italiana verso la crescita di un vero business privato in ambito Turismo Spaziale, che includa vari componenti come la scienza, la tecnologia, il turismo, l’istruzione, la cultura. Vogliamo pertanto sollecitare e stimolare gli imprenditori e gli amministratori pubblici ad implementare quelle azioni che nel tempo SR Italia identificherà, giustificherà e svilupperà. Allo stesso tempo, SR Italia curerà la diffusione tra la popolazione e le giovani generazioni in particolare, della Vision e delle azioni correlate, così come le potenzialità offerte dallo Spazio, i sistemi a disposizione e quelli in studio o di sviluppo. Le persone dovranno prendere confidenza dello spazio e dovranno sentirsi sempre più turisti e utenti dello Spazio.

ENRICO BRUNO APPARECCHIATURE SCIENTIFICHE DI LABORATORIO

Gio, 05/28/2015 - 14:05
Enrico Bruno srl è una delle eccellenze italiane nelle apparecchiature scientifiche e di laboratoriooltre 50 anni di attività.  Dall'Ospedale pubblico per le apparecchiature di base o per i consumabili per laboratorio all'industria per tutti i prodotti occorrenti per i laboratori di controllo qualità (industria alimentare, farmaceutica, cosmetica, controllo delle acque) alla ricerca scientifica nelle sue varie composizioni (Università, enti di ricerca, nei settori Biologia, Chimica, Medicina, Agraria, Veterinaria ecc.) all'istruzione (scuole medie o superiori), al singolo professionista (studi medici, dentistici...).

Il sito di ecommerce È l'azienda Enrico Bruno che nasce nell’anno 1960, quando il Sig. Bruno Enrico decide di avviare in Torino un’attività in proprio di commercio di prodotti per laboratori d’analisi e articoli sanitari.

A partire dagli anni ’90 l’Azienda, gestita dai figli del fondatore, si sposta nella nuova sede ove opera tuttora, strutturandosi con nuovi macchinari per la propria produzione e con moderne attrezzature di magazzinaggio su portapallet.

Gravità Zero ha intervistato proprio uno dei figli del fondatore, il Dr. Angelo Enrico. 


L'intervista prosegue qui

CONCORSO FOTOGRAFICO "ARTE O SCIENZA"

Gio, 05/28/2015 - 12:42
Prorogata fino al 30 giugno 2015 è ancora possibile iscriversi al concorso fotografico che premia la bellezza nelle immagini scientifiche e il talento fotografico di scienziati e ricercatori
La notizia su Gravità Zero, testata di divulgazione scientifica e tecnologica



C'è tempo fino al 30 giugno per partecipare ad “Arte o scienza? Immagini dalla ricerca”: il termine per iscriversi al concorso fotografico, aperto a studenti e ricercatori attivi nelle Università e negli enti di Ricerca, è stato infatti prorogato.

Il concorso, giunto ormai alla sesta edizione, è organizzato da Università degli Studi di Trieste e Immaginario Scientifico, con l'intento di premiare le immagini prodotte nell’ambito della ricerca alle quali, oltre a un significato scientifico, possa essere attribuito un valore artistico.

CONTINUA...

SCIENCE CAMP 2015: PER GIOVANI SCIENZIATI CURIOSI

Dom, 05/17/2015 - 23:31
I Science Camp 2015 sono una proposta con il marchio ToScience e si rivolgono a ragazzi dai 7 ai 18 anni.   I partner culturali sono Editoriale Scienza, da sempre impegnata nella divulgazione verso i più giovani e la webzine di scienza Gravità Zero.



Per i giovani curiosi o per i “nuovi scienziati” dai 7 ai 18 anni, una proposta diversa per accendere il cervello e mescolare le idee: dalla scienza in cucina fino alle stampanti 3D.
Come soddisfare la curiosità dei più giovani permettendo loro di vivere un’esperienza unica? Quali attività di qualità scegliere per i propri figli per il periodo estivo? 
ToScience è la risposta a queste domande: per il quinto anno consecutivo e con un successo sempre crescente, arrivano i Science Camp, settimane di attività di gioco scientifico proposte da ToScience
Quest’anno sono ben 7 le proposte, ospitate in tre diverse strutture e con nuovi argomenti: cucina e alimentazione, l’entomologia, la scienza della magia, la robotica e le stampanti 3D, la scienza tra i libri, i presunti misteri, il mondo dei supereroi. 
I Science Camp sono residenziali (per cui i ragazzi dormono nella struttura ospitante) e offrono una settimana lontano dalla solita routine della città. Dalla mattina alla sera i ragazzi vivono immersi tra gioco, divertimento, scoperta e sperimentazione insieme a coetanei in arrivo da tutta Italia. Costantemente seguiti dallo staff, formato da animatori scientifici professionisti, scoprono che chimica, fisica, matematica, robotica, biologia, geologia e botanica si possono imparare giocando e mettendosi alla prova in maniera innovativa, divertente e adatta all’età. 
L'articolo continua su Gravità Zero.

IL CICLOTRONE CHE STUDIERÀ LE STELLE E AIUTERÀ LA MEDICINA

Dom, 05/17/2015 - 23:26
È appena stata completata l’installazione del nuovo acceleratore di particelle, un ciclotrone P70, ai Laboratori Nazionali di Legnaro (LNL) dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN). Il ciclotrone, che pesa 180 tonnellate, è stato sollevato dalle gru sopra il tetto di un edificio di quattro piani, e quindi calato nel sottosuolo, all’interno di una caverna altamente tecnologica, appositamente allestita per ospitarlo.



I nuclei esotici prodotti dall’acceleratore saranno utilizzati per creare nuovi radiofarmaci per l’impiego in medicina e, al tempo stesso, il loro studio ci permetterà di indagare i processi che portano alla formazione dei nuclei pesanti, come quelli che vengono sintetizzati nell’esplosione delle supernovae, ampliando così le conoscenze sul nostro universo.
“SPES rappresenta un importante esempio di come le tecnologie d’avanguardia, che noi fisici sviluppiamo e utilizziamo per le nostre ricerche di base, abbiano molto spesso anche un forte impatto sulla società”, sottolinea Fernando Ferroni, presidente dell’INFN. “Questo progetto, su cui l’INFN ha deciso di investire, con un finanziamento complessivo di circa 50 milioni di euro, prevede infatti che il ciclotrone sia dotato di varie linee di fascio, alcune dedicate ai nostri studi di astrofisica nucleare, altre invece impiegate per scopi applicativi: già dal 2016, saremo in grado di generare isotopi necessari alla produzione di radiofarmaci, indispensabili, per esempio, nella diagnosi e nella terapia oncologica”, conclude Ferroni.

"DRONI PER LA SCIENZA": I DRONI PROTAGONISTI DELLA RICERCA

Gio, 04/30/2015 - 17:58
di Benedetta Bianco 
droni, ormai, stanno diventando veri e propri protagonisti della ricerca. E non solo come semplici strumenti, ma anche come oggetti di studio ed innovazione. Gravità Zero è Media Partner. 
Ecco, in poche parole, la conferenza "Droni per la scienza", che si è tenuta a Roma (Centro Congressi Frentani), e che ha concluso il ciclo di Roma Drone.

Si tratta del più importante evento del settore, di cui Gravità Zero è diventata media partner. Gli organizzatori sono l'associazione Ifimedia e Mediarkè.
Le sette conferenze di Roma Drone hanno visto partecipare più di 3000 persone e oltre 150 relatori. All'evento di ieri erano presenti le maggiori istituzioni scientifiche italiane, molte università e le aziende del settore, come potete vedere dal programma.
Tra il pubblico c'erano anche tutte le riviste del settore: Rivista AeronauticaAirpressAvio-Italia.comDrone MagazineDronEzineDroni MagJP4Quadricottero News e Volo Sportivo. Oltre a imprenditori, ricercatori e semplici appassionati.
In molti campi di ricerca, i droni si sono rivelati preziosissimi alleati. Ad esempio, nel Progetto Velutina del Laboratorio Segnali e Immagini dell'ISTI (CNR). Si tratta della messa a punto di un radar per droni: esaminando la zona di caccia della Vespa velutina, può risalire alla posizione del suo nido. Questo progetto è nato dagli apicoltori. Infatti, la vespa minaccia la vita delle nostre api, ed è quindi estremamente dannosa per tutto il sistema agricolo.
L'ENEA, invece, utilizza i droni per monitorare il degrado dei suoli, dovuto ai cambiamenti climatici e allo stress idrico, nell'Italia meridionale. Sta anche realizzando innovative piattaforme per droni, che possono produrre biocombustibili. A quanto pare, infatti, i droni rappresentano la piattaforma ideale per le sperimentazioni, vista la dimensione ridotta.
Altri progetti interessanti li ha presentati l'INGV. Come quello che vede protagonista il Lumpur Sidoarjo (LuSi), il più grande vulcano di fango del mondo, che si trova in Indonesia. Il progetto LUSI LAB usa i droni per sorvolare l'area, che presenta molte turbolenze dovute alle alte temperature, e per raccogliere campioni di gas e di fango.
L'INGV sta anche pensando di usare dei droni a bassa quota, per rilevare i possibili segnali precursori dei terremoti. E i satelliti geostazionari, in futuro, potrebbero essere sostituiti con droni dirigibili, molto meno costosi ed ugualmente efficienti.

Ma la rierca sui droni è anche alla base dell'attività delle aziende che li producono. SMATSistema di Monitoraggio Avanzato del Territorio, rappresenta un record europeo per l'Italia. Al progetto partecipano molte aziende, tra cui Alenia Aermacchi e Nimbus. Prevede l'integrazione delle varie infrastrutture già presenti sul territorio e, per la prima volta, ha visto volare una flotta di droni in modo congiunto.
L'ISSIA (CNR) di Bari e Genova, ha commissionato alla Italdron un drone, nell'ambito del progetto POLE. Dovrà volare sul circolo polare artico, per monitorare un robot marino che verrà inviato a prelevare campioni biologici all'interno del ghiaccio.
E chi più ne ha, più ne metta. La Regione Liguria ha promosso il progetto PLASTIC, a cui partecipa IDS: i droni permetteranno di controllare i livelli dei campi elettromagnetici sulle navi, ricostruendone anche dei modelli geometrici. Mentre la Regione Toscana ha dato il via al progetto AGAMONTea Group sta sviluppando una piattaforma per droni, che consentirà di misurare la concentrazione delle emissioni di metano, grazie ad una tecnica che sfrutta il laser. 
Se vi è venuta voglia di saperne di più sul mondo dei droni, non preoccupatevi: il presidente di Roma Drone, Luciano Castro, ha annunciato un nuovo ciclo di eventi, a partire dal prossimo autunno.

DSA: COSA SONO I DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO?

Mar, 04/28/2015 - 22:02
I disturbi dell’apprendimento (DSA) affliggono bambini e ragazzi che in genere non hanno disabilità o difficoltà particolari, ma possono rendere loro difficile la vita a scuola, se non vengono aiutati nella maniera corretta.

Foto Credit: Alessandro 
.
DSA: cosa sono i Disturbi Specifici dell'Apprendimento? 
Sono disturbi, su base neurobiologica, che coinvolgono uno specifico gruppo di abilità (lettura, scrittura, calcolo), ma che lasciano inalterato il funzionamento cognitivo globale.

Il DSA è definito un disturbo cronico, poiché la sua espressione si manifesta con caratteristiche differenti in base all'età e alle richieste ambientali. Il quadro clinico è spesso molto complesso poiché può portare con sé conseguenze sul piano sociale, relazionale, emotivo e motivazionale.  verosimile infatti stimare una pregressa incidenza di queste difficoltà, misconosciute, come concausa nel disagio sociale in adolescenza, nell'abbandono scolastico precoce e in certe forme di delinquenza giovanile.

La diagnosi. La legge 8 ottobre 2010 n.170 "Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico" riprende i contenuti della Consensus Conference che, tra il 2006 ed il 2007, ha delineato l'importanza di un approccio interdisciplinare alla diagnosi di DSA.

A seguito della crescente richiesta la Regione Piemonte (in applicazione della C.M. MIUR n. 8-561 del 6/3/2013) riconosce oggi a pieno titolo anche le diagnosi DSA emesse da strutture private, fornendo quindi alle famiglie l’opportunità di intraprendere il percorso diagnostico privatamente. Resta il problema dei costi elevati praticati da molti centri privati.
L’Associazione E.C.O. In accordo con la sua vocazione, ha avviato un progetto di supporto alle famiglie con bambini che presentano un sospetto D.S.A., che prevede la possibilità di formulare, in tempi brevi e a costi contenuti, una diagnosi rigorosamente compilata da professionisti nel rispetto della Consesus Conference. In questo modo, sia la scuola che la famiglia possono attivarsi tempestivamente per una diagnosi precoce e percorsi didattici riabilitativi, come previsto dalla legge quadro sui DSA (comma f, art 2, L. 170/10). La precocità della presa in carico e dell'intervento è fondamentale affinché i ragazzi possano mettere in campo le loro potenzialità e possano sentirsi capiti, sostenuti e aiutati. Un intervento precoce può inoltre evitare l'insorgere di complicanze emotive spesso correlate al disturbo (bassa autostima, ansia, depressione, condotte oppositive-provocatorie, ecc.).

UN'ASSOCIAZIONE IN PIEMONTE PER LA DIAGNOSI DSA

Per la formulazione della diagnosi, l’Associazione ECO si avvale di una psicologa con specifica formazione in ambito neuropsicologico (dott.ssa Debora Tonello), che si occupa della valutazione cognitiva ed emotiva, e di una logopedista (dott.ssa Barbara De Tommaso) che si occupa della valutazione degli apprendimenti, in grado di fornire le loro prestazioni professionali sulla scorta di una formazione specifica e di una consolidata esperienza in materia. Associazione ECOper informazioni: ecoassociazione@gmail.comTel. 328-8260495

ASI PREMIATA AL CARNEVALE DELLA FISICA

Dom, 02/22/2015 - 20:34
Si è conclusa con la premiazione finale, la 48a edizione del Carnevale della Fisica una manifestazione ispirata al Carnival of Science anglosassoni, che si propone di diffondere la cultura scientifica in un modo vivace e dinamico, avvalendosi del passa parola cibernetico.
La pagina "spazio alle scuole" dell'ASILa kermesse che coinvolge numerosi professionisti della divulgazione scientifica ha lo scopo lo scopo di riunire il maggior numero di blog scientifici per scrivere ogni mese articoli che abbiamo collegamenti con il mondo della fisica.
La prima edizione del 2015 ha visto protagonista l’Agenzia Spaziale Italiana che si è classificata prima grazie al progetto LISS - a lezione sulla ISS selezionato dalla giuria del premio per la novità assoluta, l'interesse che susciterà indubbiamente nei giovani, per il coinvolgimento del mondo dell'avventura e delle supertecnologie.
Al secondo posto l’Associazione Centroscienza Onlus e l’Accademia delle Scienze di Torino per il fumetto sulla vita del matematico e astronomo torinese Lagrange. Premiato per l'originalità, la ottima fruibilità del fumetto e la divulgazione pensata non solo per gli adulti ma anche per gli adolescenti. Il fumetto è a completamento di un percorso didattico che le scuole possono fare alla Accademia delle Scienze di Torino.
Terzo posto per l’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare con la rivista Asimmetrie, per l'impegno nel diffondere la ricerca di frontiera, per far conoscere il mondo della ricerca scientifica al grande pubblico con un prodotto di qualità.
Il Carnevale ha un respiro europeo e internazionale: parte infatti contemporaneamente in lingua spagnola in Spagna sul blog www.gravedad-cero.org e in Italia sul blog Gravità Zero e nei mesi successivi verrà ospitato su nuovi blog e siti web che man mano si affiancheranno. Ad oggi i Paesi partecipanti sono otto: Italia, Spagna, Svizzera, USA, Argentina, Colombia, Ecuador, Messico.
Gli interessati a partecipare (o a ospitare il carnevale in una delle prossime edizioni) possono inviare una e-mail a redazione@gravita-zero.org

IL CARNEVALE DELLA FISICA PREMIA LA BUONA DIVULGAZIONE SCIENTIFICA IN RETE

Ven, 01/30/2015 - 20:31
Ispiratosi al Carnival of Mathematics anglosassoni, il Carnevale della Fisica nasce nel 2009 e anche in Italia si propone di diffondere la cultura scientifica in un modo vivace e dinamico, avvalendosi del passa parola cibernetico.  Ogni 30 del mese si pubblicano link a opere di divulgazione scientifica digitale su web e una giuria premia le migliori. 

 Il Carnevale della Fisica in Italia nasce per celebrare il quadricentenario della prima volta in cui Galileo punto il cannocchiale alla volta del cielo:  i blog www.gravita-zero.org e www.gravedad-cero.org hanno lanciato insieme la prima edizione del CARNEVALE DELLA FISICA. 
"Utili, divertenti e democratici, i Carnevali scientifici online costituiscono un buon esercizio e facilitano la discussione tra i diversi partecipanti" (Elisabetta Tola su Zanichelli Aula Scienza"Il Carnevale ha inoltre un respiro europeo e internazionale e si propone di diffondere la cultura scientifica in un modo vivace e dinamico, avvalendosi del passa parola cibernetico" ASI - Agenzia Spaziale Europea
Il 30 di ogni mese appassionati e professionisti divulgatori della scienza si riuniranno per promuovere la fisica e le scienze in maniera originale e divertente.



CON UN DOTTORATO DI RICERCA SCIENTIFICO TROVI SUBITO LAVORO

Mar, 01/27/2015 - 09:22
Per chi ha un dottorato in materie scientifiche, trovare lavoro è più semplice: tra i dottori in Scienze matematiche e informatiche e dell'Ingegneria industriale e dell'informazione, ad esempio) oltre il 97% lavora a sei anni dal dottorato e oltre il 95% a quattro anni.
Più bassa invece l'occupazione tra i dottori delle Scienze storiche, filosofiche, pedagogiche e psicologiche (intorno all´88% in media).
Sono i risultati pubblicati dall'ISTAT sulla  seconda rilevazione censuaria sui dottori di ricerca, condotta nel 2014 con l´obiettivo di studiare la condizione occupazionale di quanti hanno conseguito il titolo nel 2008 e nel 2010.
L'articolo completo su Gravità Zero


IL CARNEVALE DELLA FISICA PREMIA LA MIGLIORE DIVULGAZIONE SCIENTIFICA IN RETE

Dom, 01/11/2015 - 18:50
Il Carnevale della Fisica è una competizione culturale ideato dal blog di divulgazione scientifica Gravità Zero che ogni 30 del mese premia le migliori opere di divulgazione scientifica sul web realizzate da professionisti e semplici appassionati di scienza.

Annunciamo con soddisfazione che il primo classificato all' EDIZIONE #47 del CARNEVALE DELLA FISICA  è stato GIOVEDÌSCIENZA con la conferenza di GIORGIO VOLPI  "UNIVERSO VERSATILE" tenuta il 4 dicembre 2014 a GIOVEDÌSCIENZA 29a edizione.
Giorgio Volpi, Dipartimento di Chimica, Università di Torino, è stato già vincitore del Premio GiovedìScienza 2014
La giuria ha faticato non poco a selezionare i vincitori di questo mese tra i partecipanti dell'edizione 47: gli argomenti trattati sono tutti di alta qualità. I contributi sono stati valutati in base a diversi criteri, tra cui l'originalità dell'opera, il maggiore contenuto divulgativo, il metodo di divulgazione più originale e di maggior interesse scientifico tecnologico.

Qui i vincitori e altre informazioni sul Carnevale della Fisica.

Di seguito il video della conferenza.


Secondi classificati per la bella iniziativa "Le Stelle di Natale: 45 racconti sul cielo e l'Universo", i conduttori di Radio3 Scienza.
Si tratta di uno speciale con quarantacinque racconti che svelano i misteri del cosmo a cura della redazione del quotidiano scientifico della terza rete. 

Radio 3 Scienza è un programma che viene trasmesso in diretta dal lunedì al venerdì dalle 11.30 alle 12.00 ma che si può ascoltare anche on line, nell'archivio della trasmissione, oppure in podcast sul sito iTunes).
La trasmissione nasce da un’idea di Rossella Panarese, che è ancora oggi la curatrice della trasmissione. In redazione, oggi, si trovano Paolo Conte, Matteo De Giuli, Roberta Fulci e Marco Motta, mentre in regia c'è Costanza Confessore. Negli anni, il programma ha cambiato spesso voci e formato. Oltre a Rossella Panarese, i conduttori che si sono alternati al microfono di Radio3 Scienza sono Luca Tancredi Barone, Silvia Bencivelli, Rossella Castelnuovo, Pietro Greco, Fabio Pagan ed Elisabetta Tola. Conduttore storico della trasmissione è stato Franco Carlini, che è mancato nell’agosto del 2007.


Terza posizione per  lo staff della trasmissione PROMETEO - (Trasmissione TV e YOUTUBE) per  OGM ISTRUZIONI PER L'USO a cura di Serena Giacomin


Nella puntata andata in onda il 18 dicembre 2014 e condotto dal fisico Serena Giacomin su Class TV vengono sfatati miti e credenze sugli OGM, gli organismi geneticamente modificati, con Federico Baglioni di Italia Unita per la Scienza, biotecnologo e divulgatore scientifico.


La squadra di Prometeo al completo (fonte Facebook)




p, pre {margin: 0;} input.blogger-ie-hack {position: absolute; left: -9999px;}hr.more {border-width:1px 0 0 0; border-style:dashed; border-color: #666; height: 8px; background:#ddd}table.tr-caption-container {padding: 6px; margin-bottom: .5em} td.tr-caption {font-size: 80%; padding-top: 4px} img {cursor: move}body {margin: 8px 16px;}

Pagine