BambinoProgettoSalute

             
 

Gravità Zero

Abbonamento a feed Gravità Zero
Divulgazione scientifica, innovazione, tecnologia, economia, impresa, medicina, bufale, startup Unknownnoreply@blogger.comBlogger6211125
Aggiornato: 2 ore 45 min fa

ENERGIA: DA SABATO PARTE L'EXPO SULLE TECNOLOGIE DEL FUTURO

Gio, 06/08/2017 - 22:01


Al via da sabato prossimo 10 giugno l'Expo di Astana sull'Energia del Futuro, un viaggio nelle nuove frontiere delle tecnologie per l'energia che vede la partecipazione di 110 paesi e la previsione di 5 milioni di visitatori.

Nella piazza Leonardo da Vinci, 'cuore' del Padiglione Italia l'ENEA è presente con le proprie eccellenze in settori quali fusione nucleare, fotovoltaico innovativo, solare termodinamico, energia del mare, biomasse, batterie e mobilità elettrica, illuminazione 3.0 con gli Oled, smart city, smart grid e super grid, insieme al Ministero dell'Ambiente e ad altri player come Assolombarda, ENEL, ENI, GSE e 15 Regioni coordinate dalla Conferenza delle Regioni e dal Consorzio ASTER

continua

SFIDUCIA NELLA MEDICINA: 5000 ANNI DI EFFETTO PLACEBO

Lun, 06/05/2017 - 17:14
Diffusione di rimedi alternativi alla medicina, spesso illusori, nel nuovo lavoro di Giorgio Dobrilla

"Cinquemila anni di effetto placebo. Nella pratica clinica, negli studi controllati e nelle medicine non convenzionali". E' questo il titolo nel nuovo lavoro di Giorgio Dobrilla (Edizioni Edra) che affronta il tema dell’effetto placebo nella pratica clinica, negli studi controllati e nelle medicina cosiddetta “non convenzionale”.
Il testo, quindi, tratta un argomento più attuale che mai. La crescente sfiducia nella medicina ufficiale, il ricorso sempre più frequente a pratiche alternative – spesso inutili, se non perfino pericolose – mostra come le aspettative di cura e di guarigione siano influenzate da fattori non sempre riconducibili alla sfera razionale dell’uomo. Da malati vogliamo guarire, el’efficacia della terapia non si misura talvolta con l’evidenza scientifica del trattamento:può bastare un placebo a persuaderci. Il termine “placebo” (dal latino, “io piacerò”) indica infatti ogni sostanza o terapia priva di principio attivo, che può tuttavia provocare effetti paragonabili a quelli di farmaci realmente efficaci.

"Cinquemila anni di effetto placebo" è il libro che, con rigore scientifico e con una biografia aggiornatissima sull'argomento, mette un punto fermo sul dibattito. Forte della sua esperienza di divulgatore scientifico e del fatto di essere uno dei massimi esperti mondiali in materia, Giorgio Dobrilla racconta in modo chiaro e accessibile la storia dell'effetto placebo, costellata da sciamani e guaritori, medici e ricercatori, tutti alle prese con le affascinanti e complesse interazioni tra mente e corpo. Perché spesso i cambiamenti che si ripercuotono nei meccanismi neuronali possono essere attivati non solo da un farmaco privo di principio attivo, ma anche da una parola, un simbolo, un gesto. O, per usare le parole di Silvio Garattini: "Il placebo può non essere solo una compressa o un’iniezione, come vorrebbe la nostra società farmacocentrica, ma può essere l’attenzione del medico, un ambiente favorevole, l’aiuto di un amico".
“Conoscenza e scienza” – La nuova collana di Edizioni Edra
Portare i grandi temi scientifici attuali al grande pubblico, spesso disorientato dalla circolazione di troppe informazioni poco attendibili o errate. È con questo obiettivo che nasce la nuova collana di Edizioni Edra “Conoscenza e scienza”. Curata da Silvio Garattini, la collana si avvale della preziosa collaborazione dei professionisti dell’istituto Mario Negri, da anni impegnato nella divulgazione delle informazioni scientifiche.
L’esperienza e la conoscenza di professionisti qualificati e riconosciuti dal mondo scientifico, il linguaggio semplice, la riduzione di terminologie complesse e settoriali a favore di concetti, di semplificazioni e di un continuo raccordo con i fatti di attualità saranno i punti di forza che permetteranno alla collana “Conoscenza e scienza” di avvicinare i lettori ai grandi temi scientifici cercando anche – per quanto possibile – di anticipare i temi su cui spesso si concentra il dibattito pubblico. Dalle cellule staminali alla sperimentazione animale, dallo studio clinico controllato alla medicina rigenerativa: sono questi alcuni dei temi a cui saranno dedicate le prossime pubblicazioni della collana e che saranno firmati da esperti dei vari settori scelti. Tra gli autori, anche i ricercatori dell'Istituto Mario Negri.
L'autore Primario Gastroenterologo emerito dell’Ospedale di Bolzano, fa parte delle più importanti Società scientifiche internazionali nella disciplina. È stato professore universitario a Padova, Verona, Parma, ed è consulente CICAP. Ha pubblicato oltre 300 lavori scientifici; come pubblicista, scrive settimanalmente da anni di Medicina e Sanità su quotidiani nazionali, e ha collaborato a lungo con la Rai. È autore di decine di libri di divulgazione, alcuni tradotti in inglese, spagnolo, tedesco, croato e giapponese.

Il libro
"Cinquemila anni di effetto placebo. Nella pratica clinica, negli studi controllati e nelle medicine non convenzionali" - Edizioni Edra.288 pagine, brossura, 15 x 22,5 cm.
Prezzo cartaceo 19,90 euro / Prezzo eBook 13,93 euro
Per maggiori informazioni www.edizioniedra.it

ANCORA UN LANCIO DI SUCCESSO PER ARIANE 5

Sab, 06/03/2017 - 11:36
Ancora una missione di successo per Ariane 5 che, a poco meno di un mese dall’ultimo lancio del 5 maggio u.s., ha correttamente posizionato in orbita altri due satelliti, ViaSat-2 e EUTELSAT 172B. La missione di questa notte è la terza di Ariane 5 dall’inizio del 2017.


Il lancio nr.237 della famiglia Ariane, dal Centro Spaziale di Kourou, in Guyana francese, ha portato nell’orbita geostazionaria, dopo soli 42 minuti dall’inizio della missione, due satelliti commerciali: ViaSat 2 e EUTELAST 172B.
ViaSat- 2 è un satellite che fornisce servizi di connessione internet a banda larga accessibili da mare, terra e aria e garantirà un incremento di qualità del servizio, copertura territoriale e velocità di connessione.
EUTELSAT 172B è il primo satellite europeo per telecomunicazioni completamente elettrico. Garantirà servizi più efficienti per i Governi e la Pubblica Amministrazione e migliorerà i sistemi di rete aziendale e la qualità della connessione Internet in mare e in volo.
Avio partecipa al lanciatore Ariane 5 con i motori a propulsione solida e la turbopompa ad ossigeno liquido.
Giulio Ranzo, Amministratore Delegato di Avio, ha commentato: “A poche settimane dall’ultima missione in Guyana, assistiamo ad un altro successo per Ariane 5 che testimonia la grande affidabilità dei nostri prodotti e del sistema industriale europeo capace di eseguire lanci di successo anche a ritmi elevati, cioè uno al mese. Questi risultati premiano, inoltre, il lavoro di Avio, le competenze e la passione delle nostre persone in Italia, in Francia e in Guyana francese”.

WEBINAR GRATUITO MATLAB E SIMULINK CON PSpice

Gio, 06/01/2017 - 14:48
La combinazione di MATLAB e Simulink con PSpice per semplificare la progettazione di PCB




I sistemi elettronici sono sempre più complessi avendo i disegni PCB specifiche sempre più ristrette in termini di dimensione, potenza e costo.
Questi nuovi vincoli spingono i team di progetto al co-design hardware e software senza spazio di errori e ritardi.
FAI DOWNLOAD ADESSOPer raggiungere questi obbiettivi è necessario simulare l’intero sistema semplificando lo sviluppo degli algoritmi attraverso l’implementazione PCB. L’integrazione di Cadence PSpice con MathWorks MATLAB e Simulink fornisce una completa soluzione di simulazione a livello di sistema per il disegno PCB e implementazione.
Guarda il nostro webinar e scopri l’integrazione di PSpice con MATLAB e Simulink. Nel corso della demo osserverai:
  • MATLAB Simulink – PSpice Co-Simulazione: simula sistemi completi in un ambiente di prototipazione virtuale
  • PSpice-MATLAB® Visualization Interface: osserva i risultati della simulazione di PSpice direttamente in MATLAB
  • Use MATLAB Functions in PSpice:  usa le funzioni di MATLAB direttamente nelle espressioni di misura e modelli comportamentali di PSpice
Per fare il download del webinar registrati ora e guarda l’integrazione di PSpice con MATLAB e Simulink.


vedi anche SOLIDWORKS: WEBINAR GRATUITO "DAL MODELLO 3D AL PRODOTTO FINITO"

CERVELLI DIVISI: L'EVOLUZIONE DELLA MENTE ASIMMETRICA

Gio, 06/01/2017 - 00:34

Non capita troppo spesso di trovare un libro che possa aggiornare il lettore sui recenti progressi della scienza in un settore specifico. Mi spiego meglio, di libri del genere ce ne sono, ma non sono molto quelli che adottano un linguaggio divulgativo, anche quando devono trattare di scoperte recentissime e magari molto complesse. D'accordo, è vero che per capire a fondo - trattandosi di un argomento specifico - occorre avere almeno alcune basi. E ciò vale anche per "Cervelli divisi - L'evoluzione della mente asimmetrica", scritto da Lesley J. Rogers, Giorgio Vallortigara e Richard J. Andrew e pubblicato da Mondadori Education

Non conoscete gli autori? Penso che almeno conosciate Giorgio Vallortigara, che insieme a Lisa Vozza, ha scritto per Zanichelli il libro "Piccoli equivoci tra noi animali". Ecco, forse anche in "Cervelli divisi" gli autori vogliono liberarci da alcune idee errate o - semplicemente - vecchie. Perché la scienza va avanti, non si ferma mai: si scoprono cose nuove e - talvolta - occorre abbandonare le vecchie teorie non più valide. 
Ad esempio, con buona pace di coloro che ritengono che l'uomo sia al centro del mondo, noi siamo imparentati con gli animali in molto, ma molto più stretto di quanto non immaginiamo. Persino per quanto riguarda il cervello. E non saltate sulle sedie; non sto offendendo nessuno, voglio solo dire che il nostro cervello è diviso in due e le due parti possono operare in modo indipendente, ma possono anche collaborare. Insomma, è come se avessimo due cervelli, ma che possono anche essere "uniti", e questa caratteristica è in comune con molti altri animali (perché noi cosa siamo?....).
"L'esempio più notevole di lateralizzazione nella specie umana è la preferenza per la mano destra" scrivono gli autori. Perché usiamo così tanto la mano destra? In origine si pensava che questa caratteristica non fosse presente nelle scimmie antropomorfe. Successivi studi hanno rivelato la lateralizzazione in oggetto nelle scimmie, ma essa venne attribuita ad una eccessiva vicinanza con gli umani. Infine si scoprì che la lateralizzazione era comunque presente, sia nelle scimmie in cattività, che in quelle in natura.
Ecco, credo di avervi dato una sorta di incipit, ma non voglio rovinarvi il piacere della scoperta. E allora.... buona lettura!
Cervelli divisi - L'evoluzione della mente asimmetrica
scritto da Lesley J. Rogers, Giorgio Vallortigara, Richard J. Andrew
e pubblicato da Mondadori Education
nel mese di novembre 2016

Walter Caputo

DESIGN SISTEMICO: UNA NUOVA FRONTIERA VERSO LO SVILUPPO SOSTENIBILE

Mer, 05/31/2017 - 12:44
Veniamo continuamente bombardati da nuovi termini inglesi; alcuni di questi, talvolta, diventano parole comuni al nostro linguaggio, risultano quasi familiari, tuttavia rischiando di perdere il loro significato originale. Così è successo anche per il termine Design, parola che viene normalmente associata ad un profilo estetico, quasi artistico che include modernità e innovazione. Un'opera di design appare come bella, stravagante, estrosa, futuristica.
Ma cosa è realmente il Design? Qual è il compito del Designer? "To Design" significa letteralmente "progettare", ovvero, in senso generale, ideare e pianificare una serie di attività per giungere ad un risultato. Il ruolo del designer può essere riferito a campi molto diversi tra loro: dal web designer che progetta siti e applicazioni, al grafic designer che si occupa di progettazione grafica e comunicazione visiva, passando per gli interior designer che sono esperti di arredamento di interni, e concludendo con i designer più tecnici per la produzione industriale. A proposito di quest'ultima categoria, in ambito tecnico industriale il designer ha il compito di realizzare un prodotto funzionale, di ottimizzare le sue performance e di integrare in modo efficiente i suoi componenti. Il tutto senza trascurare il processo produttivo e il ciclo vitale del prodotto.
Fonte: research italy
Al Politecnico di Torino, il gruppo di ricerca del dipartimento di Architettura e Design propone il "Systemic Design", un approccio innovativo a questa materia, focalizzandosi maggiormente su problemi attuali, quali ambiente, sviluppo economico locale e riduzione degli sprechi.Il Design Sistemico si fonda su tre concetti principali: relazioni, identità e sviluppo. Le relazioni progettate tra persone, attività e risorse contribuiscono allo sviluppo di una economia circolare, dove la qualità viene valorizzata e gli scarti prodotti possono diventare materia prima e nuove risorse. Questa riduzione di sprechi incentiva una produzione industriale tendente a emissioni zero. Il tema dell'identità viene coinvolto incentivando una economica locale, con prodotti a km 0, e promuovendo comportamenti che possono diffondersi tra chi ci circonda, come la mobilità sostenibile oppure l'utilizzo di contenitori riutilizzabili.
Un concetto contrapposto ai principi del Design Sistemico è, invece, quello dell'obsolescenza pianificata: la vita di un prodotto viene limitata appositamente dal produttore per vendere dei nuovi modelli, nonostante le modifiche apportate su questi ultimi siano minime, così aumentando incredibilmente la produzione di scarti.


Dal Design Sistemico possiamo intuire l'importanza dei designer nei processi produttivi odierni: le loro scelte di progettazione possono essere influenzate dalla consapevolezza delle relazioni con il sistema "mondo", con il quale il prodotto va ad interagire durante il suo ciclo vitale. I designer, durante lo sviluppo di un prodotto, hanno il compito di pensare a come riutilizzare gli scarti in modo efficiente, riducendo l'impatto sull'ambiente e favorendo lo sviluppo di un'economia circolare.
I principi del Design Sistemico vengono già implementati nel progetto RETRACE – A Systemic Approach for REgions TRAnsitioning towards a Circular Economy, proposto dal Politecnico di Torino e dalla Regione Piemonte e finanziato all’interno del programma Interreg Europe.
Il modo migliore per spiegare il progetto è riprendere le parole del sito ufficiale "http://www.2i3t.it/interreg-europe-retrace/:
"RETRACE affronta il tema della transizione dell’Unione Europea verso un’Economia Circolare, in linea con le priorità definite nel documento “Flagship Initiative for a Resource efficient Europe” per un’economia a basse emissioni che utilizzi in maniera efficiente le risorse per promuovere una crescita sostenibile, come descritto nella strategia Europe 2020 e nella Comunicazione della Commissione Europea “Verso un’economia circolare: un programma rifiuti zero per l’Europa”.I partner del progetto RETRACE (partner pubblici e privati di Italia, Spagna, Francia, Slovenia e Romania) ritengono che l’adozione di un approccio sistemico a livello territoriale/regionale possa facilitare e arricchire questa transizione."
La filosofia del Design Sistemico può riguardare direttamente ognuno di noi: abbracciare questi concetti nella vita e nel lavoro potrebbe aiutarci a migliorare il benessere economico, sociale e ambientale. Come descritto dai ricercatori di PoliTo, il risultato sarà "uno sviluppo sostenibile, che produce benessere nel rispetto del pianeta, delle generazioni attuali e di quelle future."
Se si volesse approfondire il tema del Design Sistemico, o per chi ormai è dipendente dagli inglesismi Systemic Design, la mappa concettuale proposta nel sito http://www.systemicdesign.org/ spiega tutto in modo più dettagliato fornendo anche esempi concreti.
Luigi Corvino

INTERNET NOTTURNA TRA ADOLESCENTI: RISCHIO INSONNIA, CHAT E ADESCAMENTI

Mar, 05/30/2017 - 17:54
Un preadolescente su 2 dichiara di navigare su Internet durante la notte all’insaputa dei genitori, mentre uno su 3 è stato adescato da un adulto attraverso profili fake. 

Il vamping, ovvero la tendenza dei ragazzi a navigare su Internet durante la notte - e già diffusa tra gli adolescenti - ha ora contagiato anche i giovanissimi di età compresa tra gli 11 e i 13 anni. E’ quanto emerge dall’indagine su Internet e minori in Italia condotta da ESET, il più grande produttore di software per la sicurezza digitale dell'Unione europea, secondo cui un ragazzo su 2 rimane connesso per diverse ore durante la notte utilizzando molto spesso profili social finti che nessuno conosce, risultando quindi non controllabili dai genitori e al tempo stesso facile preda della rete degli adescatori. A questo proposito, un preoccupante 35% dei preadolescenti ammette di essere caduto nella trappola del grooming, ovvero di essere stato adescato da un adulto attraverso un profilo fake. E se non sorprende che l’utilizzo che i giovanissimi fanno di Internet sia prevalentemente focalizzato sulle chat di WhatsApp (95%), i nuovi social network come music.ly (78%) ed i giochi online come Clash Royal (65%), ben il 90% ammette di condividere sui social con sconosciuti contenuti privati ed informazioni personali. 
Tra gli “incidenti online” più frequenti commessi dai preadolescenti su Internet, l'80% si è abbonato involontariamente almeno una volta a servizi a pagamento nel tentativo di ottenere contenuti o giochi gratuitamente mentre il 40% ha subito delle infezioni dei dispositivi da malware cliccando sui contenuti social. In pochissimi conoscono l'esistenza di soluzioni di navigazione protetta per minori (10%) ma molti dei ragazzi dichiarano che non avrebbero problemi a farle installare sui propri dispositivi dai loro genitori (70%).
I risultati dell’indagine Internet e minori in Italia sono stati raccolti grazie al progetto “Io Navigo Sicuro - lezioni di Cyber Security” organizzato da ESET per sensibilizzare gli alunni, i docenti, i genitori ed i dirigenti scolastici delle scuole medie sulle opportunità che l’utilizzo di Internet offre e le insidie che esso nasconde. Il progetto, che si è svolto tra gennaio e maggio 2017 coinvolgendo più di 1500 ragazzi tra gli 11 ed i 13 anni, ha inoltre stimolato il confronto familiare sulla creazione di un percorso di condivisione delle buone regole di comportamento rispetto all’utilizzo in sicurezza di Internet e dei dispositivi elettronici.

WEBINAR GRATUITO SU COME PROGETTARE IN 3D CON SOLIDWORKS

Mar, 05/30/2017 - 17:39
L’obiettivo di questo webinar è presentare i vantaggi derivati dall’introduzione di un CAD 3D come Solidworks in azienda.


In questo webinar vedremo come la modellazione solida ci può venire in aiuto nelle fasi successive alla progettazione iniziale, fino alla produzione.

Utilizzeremo Solidworks Simulation per verificare i requisiti di resistenza meccanica progettuali, successivamente valuteremo il costo produttivo tramite le funzioni di Solidworks Costing, ed infine andremo a scoprire come Solidworks Inspection può rivelarsi uno strumento fondamentale per il controllo qualità della produzione.


Quando:  Giovedì 15 Giugno - ore 14.30
ISCRIVITI*Il Webinar è gratuito.





Questi gli argomenti trattati:


  • Introduzione
  • Analisi FEM
  • Ottimizzazione di progetto
  • Analisi costo di produzione
  • Controllo della qualità in produzione
  • Conclusione

    L'ORIGINE DEL PARANORMALE: UN'INTERAZIONE CERVELLO-AMBIENTE

    Mar, 05/30/2017 - 09:17
    La sera sta cedendo il passo alla notte. Non si sentono più auto in giro, né bambini che non riescono ad addormentarsi. Il mondo è andato a dormire. A casa mia sono l'unico ancora in piedi. Tranne l'orologio attaccato alla parete: il suo ticchettio mi sembra sia diventato molto più forte del solito.
    Mi trovo in una situazione non molto lontana da quella cosiddetta di "deprivazione sensoriale", di cui parla Armando De Vincentiis nel libro "Ambiente, percezione e paranormale", pubblicato da C1V Edizioni. In questa condizione possono succedere cose strane. O meglio, io posso pensare di aver visto o sentito cose strane. 
    In realtà si tratta solo del cervello, che può giocare brutti scherzi, soprattutto quando - già strutturato con una serie di credenze - interagisce con un ambiente propizio. E' questo il succo del libro citato: se analizziamo i principali fenomeni paranormali con l'ottica scientifica scopriremo che essi sono generati da interazioni fra cervello e ambiente.
    E' difficile, se non arbitrario e fuorviante, stabilire chi sia il primo - fra cervello e ambiente - a generare il fenomeno inspiegabile. Infatti, l'interazione fra i due è così stretta e feconda di risultati, che la protagonista è proprio l'interazione. E non a caso, il cervello - nel libro - viene definito "terreno".
    Alcune delle nostre reazioni a fenomeni che si originano nell'ambiente dipendono da un adattamento evolutivo risultato vantaggioso. Di fronte ad uno strano rumore la fuga può essere la migliore strategia, cioè quella che più probabilmente assicura la sopravvivenza. Poi però dobbiamo necessariamente dare un senso al mondo: ciò implica costruire una spiegazione di quel rumore. Se si tratta di qualcosa di "pericoloso" possiamo interpretare il fenomeno in modo che anche altri non corrano il pericolo. Un esempio - che tempo fa mi è stato raccontato da un africano - è rappresentato dalle storie che si raccontano ai bambini che vivono in Africa - in villaggi a cui margini si trovano parecchi animali come ad es. serpenti. Bisogna trasmettere ai bambini questo messaggio: "non uscite dal villaggio". "Ambiente, percezione e paranormale" è un libro quasi
    tascabile, quindi perfetto da leggere al parco.
    Nell'immagine è mostrato un capitolo molto significativo.

    "Qui non parliamo di allucinazioni, di percepire oggetti che non esistono: ciò che vediamo è davvero presente, si tratta solo di capire cosa realmente sia" scrive l'autore. Perché il nostro cervello (o terreno) rappresenta già - in un certo senso - un potente fertilizzante dei fenomeni paranormali? Per una questione puramente fisico-chimica: "il nostro cervello sembra tollerare poco le ambiguità, così come accetta con una certa difficoltà che le cose possano accadere per caso o che abbiano tra loro legami semplicemente casuali" spiega Armando De Vincentiis. Se l'uomo interpreta determinati fenomeni in un certo modo è anche perché - spesso - sono fuori dal suo controllo. 
    A questo punto - ad esempio - i mostri marini, gli UFO e le streghe di Salem possono essere scientificamente spiegati, non come fenomeni inesistenti, ma come eventi a cui abbiamo dato un'interpretazione errata. Un "comportamento da strega" può essere generato da un'intossicazione alimentare da funghi, che nel 1962 a Salem, nel Massachusetts, erano diffusi su molti cerali, che rappresentavano la base dell'alimentazione dell'epoca. 
    "Ambiente, percezione e paranormale" è destinato a tutti coloro che vogliono comprendere l'origine dei fenomeni paranormali. L'ottica scientifica è puntata soprattutto sull'ambiente, che - forse - finora abbiamo un po' sottovalutato. D'altronde il libro fa parte della collana "Scientia et Causa", che comprende già parecchie opere. L'obiettivo comune è fare chiarezza scientifica su molti fenomeni di interesse generale.
    Walter Caputo


    LA PSEUDOSCIENZA IN MEDICINA SI COMBATTE FIN DA BAMBINI

    Lun, 05/29/2017 - 09:27
    Fino a poco tempo fa chi sapeva distinguere la scienza dalla pseudoscienza poteva ignorare quest'ultima e vivere tranquillo. Si limitava a veder passare sui social titoloni provenienti da siti (acchiappaclick) gonfi di pubblicità, articoli scritti da soggetti senza titolo idoneo e senza fonti attendibili. Non perdeva neanche un secondo a leggerli. Era tempo sprecato. Certo, questi articoli di pseudoscienza - soprattutto quelli inerenti la medicina - venivano condivisi da moltissime persone, ma gli effetti sociali non erano ancora preoccupanti.
    Oggi la situazione è drasticamente cambiata. La pseudoscienza in medicina ha assunto dimensioni imponenti e le conseguenze cominciano ad essere drammatiche. Mentre una volta si discuteva di pseudoscienza, anche nelle aule dei tribunali, oggi - di pseudoscienza si arriva a morire. Chi è in grado di distinguere la scienza dalla pseudoscienza non può più stare a guardare.
    Così i siti anti-bufale lavorano a pieno ritmo, persino Facebook comincia a spiegare ai suoi utenti come riconoscere le notizie false. I giornalisti scientifici spiegano come stanno le cose, cercando di entrare nella mente degli antivaccinisti, dei complottisti e dei seguaci di "medicine alternative". Gli ordini dei medici manifestano (finalmente) la loro esistenza radiando medici che non seguono la scienza medica, mentre lo Stato, di fronte al dilagare di malattie che si pensava ormai debellate, incrementa l'obbligo dei vaccini. In questa situazione, un provvedimento di salute pubblica di queste dimensioni non sorprende affatto. 
    Anche le case editrici stanno svolgendo un ruolo utile, soprattutto quando pubblicano testi divulgativi, adatti a tutti, il cui fine è riportare l'equilibrio su una questione così delicata come la medicina. Ma ancora non mi era capitata fra le mani un'opera che spiegasse per bene ai bambini alcuni importanti fondamenti di medicina. Ci ha pensato Editoriale Scienza - da molti anni ormai impegnata nella pubblicazione di opere scientifiche per bambini e per ragazzi - con il libro "Perché si dice trentatré? E tante altre domande sulla medicina", in cui Federico Taddia intervista Andrea Grignolio, che insegna Storia della medicina alla Sapienza di Roma.
    Il libro - che, non a caso, fa parte della collana denominata "Teste Toste" - è suddiviso in brevi capitoletti, ciascuno dei quali si pone l'obiettivo di rispondere ad una domanda importante. E la domanda è proprio quella che potrebbe farvi (o farsi) vostro figlio, ma è anche un quesito che vi siete posti voi stessi (adulti) probabilmente più volte. Ad esempio: che cos'è un vaccino? Si possono curare i tumori? Che cos'è una malattia genetica? E già queste basterebbero perché molti pensano che i vaccini siano dannosi, che i tumori si possano curare con il bicarbonato e che le terapie geniche possano curare qualsiasi malattia.
    Ma di domande, nel libro, ce ne sono molte altre. Tutte sono corredate da risposte sintetiche e spiegate in modo efficace, cioè semplice, come tutti avremmo sempre voluto (anche quando parliamo con un qualunque medico in merito alla nostra salute). Alcuni quesiti riguardano questa stagione (le allergie), o temi di stretta attualità (le cellule staminali) o la diffusione di malattie (cosa sono le pestilenze? E perché alcune malattie sono contagiose?).  Insomma, potete farvi un quadro generale completo e in breve tempo, utile per voi e per i vostri figli. E, infine, scoprirete perché tante volte dal medico avete detto trentatré.
    Walter Caputo


    IL MINISTERO DELLA SCIENZA IRANIANO PREMIA IL PROF. YAROSLAV SERGEYEV

    Sab, 05/27/2017 - 11:17
    Ancora un significativo riconoscimento per il matematico di fama mondiale, Yaroslav Sergeyev. Il prof. Sergeyev è stato insignito dal Ministero della Scienza iraniano  del Premio Internazionale Khwarizmi, intitolato al matematico e astronomo del IX secolo Muhammad ibn Musa al-Khwarizmi. Lo si legge in una nota dell'Università della Calabria, dove Yaroslav D. Sergeyev è Professore Ordinario di Analisi Numerica dal 2002  (chiamata diretta per “chiara fama”).
    L'articolo su La Prima Pagina, quotidiano nazionale



    Abbiamo chiesto al prof. Walter Caputo, redattore della nostra testata scientifica Gravità Zero, di spiegarci l'importanza di questo riconoscimento.
    "Molte persone oggi continuano a pensare che la matematica sia una disciplina esclusivamente teorica. I premi assegnati ai matematici servono invece a ricordare a tutti come stanno le cose: la matematica ha moltissime applicazioni pratiche e produce risultati di notevole importanza in molti settori della nostra vita".

    "I metodi elaborati dal Prof. Sergeyev, sia nell'ambito dell'ottimizzazione globale che nel campo dell'aritmetica dell'infinito sono stati tradotti in software e sono diventati nuovi strumenti di lavoro (più precisi, più versatili e più semplici dei precedenti) per molti scienziati, che - a loro volta - hanno ottenuto nuovi e importanti risultati".
    "È però evidente che non è semplice far comprendere ai non addetti ai lavori metodi matematici elaborati negli ultimi dieci o vent'anni. I miei studenti mostrano difficoltà con la matematica del 1700, che è stata studiata, ristudiata, digerita e rielaborata da tantissimi matematici. Di conseguenza molti insegnanti non presentano agli studenti alcuna idea recente in matematica, giustificando la loro scelta con il fatto che gli studenti comunque non capirebbero. Io ho invece deciso di utilizzare l'approccio divulgativo, che significa affermare: "Lo sapete che si può misurare l'infinito?". A quel punto scende il silenzio, lo stupore è evidente, gli studenti si sforzano di fornire qualche risposta e poi dicono: "Non è possibile!"; allora io rispondo: 'E invece sì, vi racconto la storia del Prof. Yaroslav Sergeyev'". 
    Così ho introdotto il nuovo approccio del Prof. Sergeyev al trattamento di quantità infinite e infinitesime, affiancando la nuova metodologia al calcolo tradizionale dei limiti. E, fuori dall'aula, ormai da più di 7 anni, divulgo il nuovo approccio scrivendo articoli su Gravità Zero". Walter Caputo con il Prof. Yaroslav SergeyevIl premio viene conferito ogni anno (nel 2017 è stata la 30-esima edizione) dal Ministero della Scienza e Tecnologia dell’IRAN come riconoscimento a studiosi che abbiano fornito contributi fondamentali in settori scientifici e tecnologici di punta. Oltre a Yaroslav, quest’anno sono stati premiati altri cinque scienziati provenienti dalla Francia, Gran Bretagna, Svezia e Canada.
    Il professore ha ottenuto numerosi riconoscimenti per la sua attività di ricerca. Tra questi, il Pythagoras International Prize in Mathematics, The 2014 Journal of Global Optimization Best Paper Award, l’Outstanding Achievement Award from the 2015 World Congress in Computer Science, Computer Engineering, and Applied Computing, USA. Dal 2016 è EUROPT Fellow.
    I suoi interessi di ricerca sono molto vasti, a partire dall’Ottimizzazione Globale, cui si è dedicato con continuità fin dagli anni ‘80 (E’ Vice Presidente dell’International Society of Global Optimization). In anni più recenti ha focalizzato la sua attività sulla costruzione di un’aritmetica che permetta di eseguire calcoli con numeri infiniti ed infinitesimi usando un nuovo tipo di calcolatore, detto “Infinity Computer”, brevettato in Europa, USA e Russia. Oltre all’importante sfida teorica, le potenzialità applicative del nuovo paradigma di calcolo appaiono amplissime e vengono attualmente esplorate da numerosi ricercatori operanti nelle varie aree della Matematica Applicata.

    Altri articoli sul Prof. Yaroslav Sergeyev e sul Grossone

     Il sito web del Ministero della Scienza in Iran 

    L'UNIVERSITÀ POPOLARE DEGLI STUDI DI MILANO QUERELA MIUR, CIMEA E IL SITO "FAKE" PRESTO.NEWS

    Sab, 05/27/2017 - 09:30
    Riceviamo e pubblichiamo un comunicato stampa dell'Università Popolare degli Studi di Milano.

    Il Senato Accademico dell'Università Popolare di Milano 
    .
    Milano 27 maggio 2017 - "Abbiamo appreso con rammarico dell’esistenza su Internet di un sito web, non italiano, ma svizzero (www.presto.news) che in una sua pagina, redatta da un autore che si nasconde nell'anonimato, pubblica frasi ingiuriose e prive di fondamento nei confronti del nostro Ateneo. Il dominio in questione si configura come un clone (un fake) del sito ufficiale e realmente esistente di una radio Svizzera che è la Schweizer Radio und Fernsehen (SRF) www.srf.ch e che nulla ha a che vedere con Presto.news. 
    Dati di registrazione del sito fake "PRESTO NEWS" http://whois.domaintools.com/presto.news
    Dati di registrazione sito corretto della SRF Svizzera http://whois.domaintools.com/srf.ch 
    Lo si legge in una nota del Direttivo Universitario, che ci informa di aver reagito alle insistenti diffamazioni a mezzo stampa con una querela presso la Procura della Repubblica. 

    “Le affermazioni contenute nel loro testo sono altamente lesive e contengono perciò gravi ipotesi di reato. Per queste ragioni abbiamo già dato mandato agli avvocati per sporgere denuncia agli organi competenti ai fini dell’accertamento di ogni responsabilità – prosegue la nota -. Inoltre è prevista una azione civile per il risarcimento dei danni che è stato calcolato ammontino a circa 2 milioni di euro di danno di immagine. A riguardo si precisa che il ricavato sarà interamente devoluto in beneficenza”. 




    L'Università Popolare degli Studi di Milano rimane integra nelle sue funzioni anche a seguito di alcuni attacchi - privi di fondamento si precisa - avuti dal MIUR e dal CIMEA.

    "La capacità giuridica d'esercizio delle funzioni universitarie internazionali rimane persistente ed efficace come sancita nell'ordinanza e provvedimento amministrativo di ultimo grado del Consiglio di Stato". "La Procura della Repubblica ha archiviato alcuni attacchi da parte del MIUR e del CIMEA per insussistenza e in seguito l'Ateneo ha querelato per diffamazione il CIMEA e per calunnia il MIUR per avere calunniato l'Ateneo - precisa l'Università - senza motivazioni giuridicamente valide" 

    L'Università Popolare degli Studi di Milano svolge dunque le sue funzioni in completa armonia con le leggi vigenti dello Stato Italiano e - precisa - è autorizzata con provvedimento amministrativo pubblicato addirittura sulla Gazzetta Ufficiale e da una consultazione confermata da Consiglio di Stato. 
    Conclude così l'ateneo: “Diffidiamo altresì chiunque a veicolare il contenuto di tali affermazioni e ci riserviamo di procedere anche contro i soggetti che, a qualsiasi titolo, concorreranno alla diffusione, sia integrale che parziale,di notizie diffamanti. Difenderemo l’onorabilità del nostro Ente e delle persone diffamate. Ribadiamo pertanto, con assoluta fermezza, che l'Università Popolare degli Studi di Milano continuerà ad operare nell’interesse dei propri studenti, sempre fuori da ogni logica di interruzione dei percorsi di studio e già riconosciuti dal Consiglio di Stato e pubblicati su Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana".
    Rif. http://www.unimilano.org/wp-content/uploads/unimilano_-_pubblicazione_gazzetta_ufficiale.pdf

    STORIE BESTIALI: VITE, AMORI E CURIOSITA' DAL MONDO ANIMALE

    Ven, 05/26/2017 - 23:53
    "Storie bestiali", scritto da Papik Genovesi
    e pubblicato da Editoriale Scienza
    Spesso, quando si sentono storie straordinarie, è facile esclamare: "E' proprio una storia pazzesca!", ma forse - nel caso del nuovo libro di Papik Genovesi e Sandro Natalini - è meglio dire "Storie bestiali", prima di tutto perché è proprio questo il suo titolo e poi perché si tratta di storie straordinarie di cui sono protagonisti gli animali.

    D'altronde, Editoriale Scienza ha pubblicato innanzitutto un libro per stupire i bambini da 8 anni in su, ma sono pronto a scommettere che anche voi adulti vi stupireste per la stranezza, anzi la bizzarria che spesso caratterizza le vite degli animali. Il grande formato del libro e le belle illustrazioni di Sandro Natalini, che richiamano solo gli aspetti essenziali degli animali, completano il quadro dell'opera.

    I bambini e i ragazzi che hanno assistito - sabato 20 maggio 2017 al Salone del libro di Torino - alla presentazione del libro erano piuttosto stupiti, ma non solo per le storie che narravano gli autori, per le immagini e i video degli animali, ma soprattutto per alcuni strani rumori che essi emettono.

    In quell'occasione ho intervistato Papik Genovesi sulle stranezze che collegano gli animali al cibo, come uccelli mangia-vomito, formiche alleva-afidi, rane che vivono in alberghi fatti completamente di cacca, avvoltoi che digeriscono (giustamente) la carne avariata e altri simili scoop dal mondo degli animali.

    Papik Genovesi e Sandro Natalini il 20
    maggio 2017 al Salone del libro di Torino
    Ma il cibo è soltanto uno dei fili conduttori del libro (ed anche del blog "Cibo al microscopio"). Ce ne sono molti altri, ed ognuno è un capitolo autonomo del libro, così è possibile leggere solo le parti che più interessano. Per quanto mi riguarda devo dire che oltre al cibo, ho trovato particolarmente interessante quello sulla cacca. Che poi è un argomento sempre divertente per i bambini, insomma, basta parlare di cacca per farsi grasse risate... Tuttavia, e qui devo ripetermi, non credo che molti adulti conoscano - ad esempio - la natrice dal collare, un serpente con un elegante collare bianco sul collo, in grado di sganciare escrementi puzzolenti oltre ogni misura. Come dire che, chi non ha il veleno, si difende con altre armi, che fanno molto male alle narici....

    In "Storie bestiali" troverete anche altre sezioni, ad esempio quella sul sonno: "Quanto dormono gli animali?", quella sulla medicina fai-da-te, ovvero: "Come si curano gli animali?". Sapete che alcuni animali riescono a farsi ricrescere una zampa? Vi rendete conto che riescono a ricreare ossa, tessuti e muscoli? Come se non bastasse, il pesce-zebra è in grado di autoripararsi il cuore danneggiato e i lemuri si spargono veleno sulla pelliccia per tenere lontani i parassiti. Cosa dite? Assomiglia ad un repellente per zanzare? Appunto, la medicina degli animali potrà far compiere progressi anche alla nostra, infatti prima si studia, poi si comprende e infine si imitano i meccanismi più utili alla cura delle nostre malattie.

    APPROFONDIMENTI
    L'intervista allo zoologo Papik Genovesi su "Cibo al microscopio"

    "Storie bestiali"
    scritto da Papik Genovesi e Sandro Natalini
    illustrato da Sandro Natalini
    pubblicato da Editoriale Scienza
    Prima edizione: aprile 2017

    Walter Caputo
    Cofondatore del blog "Cibo al microscopio"

    VACCINAZIONI OBBLIGATORIE: MASSIMO SOSTEGNO DELLA FISV ALL'INIZIATIVA DELLA MINISTRA DELLA SALUTE

    Gio, 05/25/2017 - 19:02
    La Federazione Italiana Scienze della Vita (FISV) - che rappresenta più di 5.000 ricercatori italiani appartenenti a 14 Associazioni Scientifiche - plaude all’iniziativa della Ministra Lorenzin e sostiene appieno la campagna per le vaccinazioni obbligatorie: la risposta del Governo ha saputo correttamente interpretare i molteplici segnali che la scienza ha dato a dimostrazione della validità delle vaccinazioni e dell’altrettanto pericolosità della loro evasione.

    Quando attori non qualificati e opinion leaders a vario titolo - la stampa stessa - si sostituiscono alla scienza e agli scienziati nel rivolgersi al cittadino su temi di sanità pubblica, il risultato è quello di creare il caos informativo - ad esempio sulla presunta nocività o, peggio ancora, sulla presunta inutilità dei vaccini - producendo una deriva pericolosa che compromette la sanità ed il benessere della popolazione. 
    La risposta del Governo ha saputo correttamente interpretare i molteplici segnali che la scienza ha dato a dimostrazione della validità delle vaccinazioni e dell’altrettanto pericolosità della loro evasione. 
    La Federazione Italiana Scienze della Vita (FISV) - che rappresenta più di 5.000 ricercatori italiani appartenenti a 14 Associazioni Scientifiche - plaude all’iniziativa della Ministra Beatrice Lorenzin e sostiene appieno la campagna per le vaccinazioni obbligatorie al fine di bloccare il diffondersi di patologie potenzialmente mortali per i nostri figli e che, erroneamente, qualcuno ha creduto fossero state debellate per sempre. Non è così e non lo sarà fino a quando esisteranno aree la cui bassa o “insufficiente” percentuale di copertura vaccinale per tali patologie aprirà spiragli di penetrazione per gli agenti infettanti, come appunto è accaduto nei primi mesi di quest'anno con il diffondersi dei numerosi casi di morbillo. 

    FISV – Federazione Italiana Scienze della Vitac/o Dip.Biologia e Biotecnologie Charles Darwin - Sapienza Università di Roma
    Piazzale Aldo Moro, 5 - 00185 ROMA
    Presidente: Prof Gennaro Ciliberto
    www.fisv.org

    È MORTO L'ASTROFISICO GIOVANNI BIGNAMI

    Gio, 05/25/2017 - 13:18
    L’astrofisico e divulgatore scientifico Giovanni Bignami è morto a causa di un malore mentre si trovava a Madrid, in Spagna. Aveva 73 anni. 
    Gravità Zero lo aveva intervistato diverso tempo fa sul fenomeno delle pseudoscienze.



    Bignami era nato a Desio il 10 aprile 1944 ed era sposato con l’astrofisica Patrizia Caraveo. Si era laureato in Fisica nel 1968 all’Università di Milano nello storico gruppo di Giuseppe Occhialini. 
    nel suo ufficio di fronte alla copertina di Wired
    che lo ritrasse in prima pagina Il Prof. Bignami è stato (primo italiano) Direttore del Centre d’Etude Spatiale des Rayonnements, Toulouse, uno dei principali centri di ricerca spaziale di Francia. E' stato Presidente dell'Agenzia Spaziale Italiana.

    Membro dell’Accademia dei Lincei (dal 1997), dell’Académie des Sciences di Francia (dal 2009), della Academia Europea, della International Academy of Astronautics, della European Academy of Sciences, dell Accademie de l’Air et de l’Espace di Toulouse.

    Nel luglio 2010, dopo una selezione mondiale, è stato nominato (primo italiano in 50 anni), Presidente del COSPAR, il Comitato Mondiale per la Ricerca Spaziale, attivo dal 1958 e che attualmente conta 44 Paesi Membri.


    Qui il curriculum completo e le sue attività come divulgatore scientifico.


    OGGI WEBINAR GRATUITO PER IMPARARE A PROGETTARE CON CAD 3D

    Gio, 05/25/2017 - 07:41
    L’obiettivo di questo webinar è presentare i vantaggi derivati dall’introduzione di un CAD 3D come Solidworks in azienda.

    Il webinar è rivolto sia a chi ancora utilizza la tecnologia 2D e, per svariati motivi, non ha ancora deciso di effettuare il passaggio al 3D, sia a chi già utilizza un CAD 3D ma non ha ancora del tutto abbandonato lo strumento 2D. Nel webinar affronteremo le tematiche legate alla necessità di innovare e alle resistenze da vincere per implementare con successo soluzioni innovative per la progettazione. Infine, vedremo come riutilizzare un disegno 2D inserito all’interno di un nuovo progetto Solidworks.

    Quando: Oggi, Giovedì 25 Maggio - ore 14.30
    ISCRIVITI





    Questi gli argomenti trattati:


    • I falsi miti della progettazione 3D
    • Top performer: esempi da seguire
    • Come riutilizzare una tavola 2D
    • Progettazione di parti e assiemi 3D
    • 3D, rappresentazioni e distinte materiali
    • Verifiche di progetto
    • Oltre il 3D

    AL VIA GLI ESET PARTNER MEETINGS Il GDPR E I NUOVI ATTACCHI RANSOMWARE AL CENTRO

    Mer, 05/24/2017 - 08:35
    Si è tenuto venerdì 19 maggio a Milano il primo degli ESET Partner Meetings, che inaugura una serie di incontri organizzati da ESET per accrescere e rafforzare la strategia rivolta al canale, da sempre elemento chiave della crescita dell’azienda in Italia.

    ESET, che in Italia conta più di 3000 rivenditori, 60 dei quali con le massime certificazioni, è da sempre molto attenta alla crescita e alla formazione dei propri partner, che sono sempre proattivi nel recepire le nuove necessità di mercato e che devono avere le conoscenze e gli strumenti necessari per potersi accreditare come consulenti di fiducia dei propri clienti.


    D’altra parte Il concetto di sicurezza informatica è in continua evoluzione e abbraccia oggi sfere sempre più larghe del vivere quotidiano: basti pensare alla tutela dei dati ed alle nuove soluzioni per la crittografia e l’autenticazione a due fattori suggerite dal nuovo regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR), oltre che alle nuove minacce ransomware che proprio negli ultimi periodi hanno dato prova di grande pericolosità, come dimostrato dal recente caso Wannacry. C’è poi l’aspetto legato alla protezione dei minori, sempre più richiesta dagli utenti finali, insieme alla protezione dei dispositivi mobile e all’Internet of Things e nello specifico alla protezione del router, primo punto di attacco degli hacker sulla rete domestica.

    La sicurezza informatica è dunque diventata un concetto a 360° e la più importante opportunità di business che un rivenditore deve cogliere è quella di accreditarsi come consulente di fiducia del cliente, sia privato che business, e di proporre una rosa di prodotti il più vasta possibile, in linea con le esigenze sopra descritte.

    “Le esigenze di protezione e la richiesta di soluzioni per la sicurezza sono aumentate su tanti fronti, portando ad una crescita generale del settore in tutti i segmenti, in special modo quelli che riguardano il nuovo regolamento europeo sulla protezione dei dati.” – afferma Giuseppe Gatto, Business Development Manager di ESET Italia, che prosegue: “Le aziende del settore propongono oggi soluzioni che garantiscono una protezione totale, che tiene conto di queste nuove esigenze di sicurezza. Questo approccio non è però ancora del tutto consolidato né tra rivenditori né tra gli utenti e la sfida che ci poniamo con gli ESET Partner Meetings, oltre a rafforzare il rapporto con i nostri partner, è quella di incoraggiare l’utilizzo, oltre che del semplice antivirus, anche delle soluzioni di sicurezza informatica che garantiscono una protezione completa ed in linea con le nuove esigenze”.

    Oltre agli ESET Partner Meetings, ESET offre ai propri rivenditori una serie di iniziative tra cui i corsi e i webinar gratuiti, aperti al pubblico ma molto più spesso riservati solo ai partner, in cui gli esperti di ESET approfondiscono i principali trend tecnologici del momento.

    Per ulteriori informazioni su ESET visitare il sito www.eset.it

















    FUTURO REMOTO: A NAPOLI LA 31ª EDIZIONE DEL FESTIVAL DELLA SCIENZA

    Mar, 05/23/2017 - 22:16
    Scarica la brochure Scienza, tecnologia, innovazione, arte e cultura: la 31ª edizione, “Futuro remoto, vedrà protagonista la città di Napoli tra il 25 e il 28 maggio, con una serie di eventi, convegni, dibattiti e seminari volti a far conoscere le nuove frontiere della ricerca scientifica e tecnologica.

    "Connessioni" è il filo conduttore, che sottolinea l'importanza del dialogo tra i diversi soggetti che producono e promuovono cultura: fare rete è essenziale per alimentare la creatività, trovare nuove soluzioni, innovare nella prospettiva di uno sviluppo sostenibile. 
    Con due medaglie consecutive ricevute dal Presidente della Repubblica, Futuro Remoto quest'anno ha un  calendario particolarmente ricco, e prevede 100 incontri con ospiti internazionali, esperti e ricercatori, e 10.000 dimostrazioni ed esperimenti in programma.
    Al centro dei grandi dibattiti che animeranno la manifestazione, l’Università che cambia e il caso Campania, i dialoghi aperti con i protagonisti della salute, il mondo delle startup, lo scenario economico, il legame fra ricerca e scuola.



    Un palco centrale - l’agorà - accoglierà eventi, spettacoli, laboratori scientifici, science shows e incontri. Tutta la città sarà coinvolta: istituzioni, scuole, teatri, cinema e associazioni ospiteranno eventi e attività. 
    La partecipazione è gratuita. Per informazioni sulla manifestazione e per visionare il programma: http://www.cittadellascienza.it/futuroremoto/

    YES!LAVORO, UN’INIZIATIVA PER IMPRESE E GIOVANI TORINESI

    Mar, 05/23/2017 - 22:05
    Servizi e contributi per favorire l'ingresso nel mercato del lavoro. 



     
    Ha preso avvio il progetto YES!Lavoro, di cui API Torino e API Formazione sono partner.
     
    Il progetto, sostenuto dalla Fondazione Compagnia di San Paolo, prevede un programma articolato di interventi che hanno l’obiettivo di agevolare l’ingresso di giovani torinesi nel mercato del lavoro.
    YES!Lavoro guarda in particolare le imprese della filiera del cibo: produzione e trasformazione alimentare, distribuzione e vendita, ristorazione e settori attigui del turismo e ricettività. Tuttavia, non sono escluse imprese operanti in altri settori merceologici.
     
    Le imprese interessate ad ampliare il proprio organico attraverso l’inserimento con tirocinio di giovani motivati, possono aderire al progetto e avere a disposizione gratuitamente un servizio personalizzato di selezione del personale; inoltre, grazie al contributo della Compagnia di San Paolo, il progetto riconoscerà all’impresa una parziale o totale copertura dei costi di tirocinio.
     
    Le caratteristiche del tirocinio
    • Durata: 4 mesi, con la formula 1+3. 
    • Il primo mese di tirocinio è a carico dell’azienda al termine del quale, confermate le reali possibilità di placement attraverso una lettera di impegno dell’azienda all’assunzione con contratto di lavoro di almeno 4 mesi, il percorso potrà proseguire. 
    • Ulteriori 3 mesi di tirocinio con contributo a copertura totale o parziale dell’indennità del tirocinio. L’importo del contributo (fino a 1.800 euro) è definito in relazione al livello di occupabilità in ingresso del giovane tirocinante.
     
    I vantaggi per l’azienda
    • Servizio di accurata pre-selezione del personale, per soddisfare ogni esigenza formativa e di reclutamento segnalate dall’azienda; 
    • Tutti i giovani selezionati avranno accesso a uno specifico programma di orientamento al mondo del lavoro e formazione; 
    • Contributo a copertura delle spese del tirocinio; 
    • Il progetto mette a disposizione dell’azienda e del tirocinante un Tutor di riferimento durante l’intera durata del tirocinio, per supporto, affiancamento e soluzione di eventuali necessità e/o problematiche.
     
    Per aderire a YES!Lavoro
    Compilare la “SCHEDA SEGNALAZIONE JOB VACANCY”, con preghiera di restituirla a fabio.schena@apito.it e m.favale@kairosmestieri.it 
     
    Per eventuali chiarimenti contattare il Dr. Fabio Schena, Responsabile Ufficio Studi - Innovazione e Trasferimento Tecnologico (fabio.schena@apito.it; tel. 011 4513.337).

    #ANDROIDWEEK PROMOTION DI ESET: LA MASSIMA PROTEZIONE SUI DISPOSITIVI MOBILI

    Mar, 05/23/2017 - 20:31
    Da ieri su Google Play trovate la #AndroidWeek promotion di ESET, che permette di acquistare i prodotti ESET Mobile Security ed ESET Parental Control al 50% di sconto. La promozione è valida sugli acquisti effettuati dal 22 al 28 maggio 2017.

    ESET Mobile Security per Android

    ESET Mobile Security è l'antivirus per Android progettato per rispondere a tutte le esigenze di sicurezza su mobile, senza rallentare i dispositivi e occupando poco spazio nella memoria di sistema.Una soluzione di protezione completa in grado di proteggere smartphone e tablet dalle minacce emergenti e dalle pagine phishing, filtrare chiamate e messaggi indesiderati e controllare il dispositivo da remoto in caso di smarrimento o furto. Grazie alla #AndroidWeek promotion è possibile acquistare ESET Mobile Security con il 50% di sconto sul prezzo di listino.

    ESET Parental Control per Android

    Il mondo digitale è una meravigliosa fonte di informazione e divertimento per i minori. ESET Parental Control per Android aiuta i genitori a guidare i propri figli mentre navigano online, mettendo a disposizione strumenti di gestione delle applicazioni mobile e dei siti web e suggerendo ciò che è adatto e ciò che invece non è appropriato per i minori. Consente inoltre di localizzare in qualsiasi momento il dispositivo che il minore utilizza e di inviare messaggi che appariranno direttamente sul suo schermo. Grazie alla #AndroidWeek promotion è possibile acquistare ESET Parental Control con uno sconto del 50% sul prezzo di listino.

    Per ulteriori informazioni su ESET visitare il sito www.eset.it



    Pagine